Mura Ciclopiche a Ferentino

Mura Ciclopiche a Ferentino

La città di Ferentino,nel sud del Lazio in provincia di Frosinone,è situata nella valle del Sacco, nella pianura sottostante ai Monti Lepini. Quando si arriva a Ferentino, le famose mura “ciclopiche” accolgono i visitatori richiamando l’aura della mitica fondazione della città.

Secondo la leggenda infatti Ferentino fu fondata dal dio Saturno, una volta che fu cacciato dall’Olimpo. Di certo la fondazione di Ferentino risale al IV secolo a.C., circa 300 anni prima di Roma e la prova sono le grandiose “mura ciclopiche” caratteristiche di molti centri del Lazio meridionale sia nel territorio di Frosinone che di Latina. Insieme alle mura di Alatri quelle di Ferentino, sono tra i migliori esempi di questa tecnica costruttiva che la leggenda attribuisce ai mitici “ciclopi”. Queste mura sono in opera poligonale ,massi calcarei di grandi dimensioni posti a secco a costruire grandiose mura difensive.

Il buono stato di conservazione delle mura di Ferentino si deve anche al fatto che in epoche recenti sono state utilizzate come fondamenta delle abitazioni che ancora adesso sussistono al di sopra, soprattutto nella zona dove si apre la cosiddetta “Porta Sanguinaria”.

E’ una domenica di ottobre di questo difficilissimo anno 2020, il colpo d’occhio delle Mura è notevole ed è particolare vedere le tracce di vita ordinaria e quotidiana : i panni stesi e i fiori sui balconi che compaiono al di sopra di queste fantastiche opere  che stupiscono per il pensiero della incredibile capacità costruttiva degli uomini che hanno abitato queste zone in epoca tanto antica.

In questa parte si apre la cosiddetta “Porta Sanguinaria” un nome sinistro che evoca battaglie e distruzione, La porta però è molto bella  per la grandezza dei suoi massi che sono sovrastati da un arco  di epoca successiva.

Da visitare nelle città altri importanti monumenti come il Mercato coperto di epoca romana,il Teatro romano,il basolato della via Latina e di epoca medioevale: la Cattedrale dei Santo Martiri Giovanni e Paolo che risale al 1100 e l’abbazia gotico-cistercense di Santa Maria Maggiore considerata prototipo della più famose abbazie di Fossanova  e Casamari.

Finisco la visita della bella città di Ferentino mangiando in un ristorante che in modo più che preciso ha rispettato tutte le norme anti-pandemiche.

Condividi

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *