Museo Federico II – Stupor Mundi – Jesi

PNL Didattica Stupor Mundi Jesi

Nella bella cittadina di Jesi (Ancona), proprio nella piazza dove l’imperatore Federico II di Svevia è nato,è stato aperto da poco il
museo “Federico II.”Stupor mundi”

Il museo si avvale di tecniche visive e di animazione davvero innovative e molto efficaci. La visita si svolge attraverso un racconto che sa mettere insieme,in modo sintetico ed efficace, le notizie più importanti sulle origini ,la vita e l’azione di governo di questo imperatore definito, da uno storico suo contemporaneo, “Stupor mundi”.

Vengono così mostrate le azioni di Federico II di Svevia della casa tedesca degli Svevi da parte di padre e di origini normanne da parte di madre (Costanza d’Altavilla,ultima discendente dei re normanni). Federico II fu l’imperatore che riunì nelle sue mani il Sacro Romano Impero (Germania e Italia settentrionale) e l’Italia meridionale (governata dai re Normanni).

Nato a Jesi e cresciuto orfano,per la perdita prematura dei genitori, presso la corte dei re normanni a Palermo,Federico II, personalità di grande forza e autonomia ,dopo aver assunto il titolo di imperatore,dedicò molte delle sue azioni a rafforzare il regno dell’Italia meridionale,realizzando una serie di castelli difensivi ed una raccolta di leggi per il governo: le

“Costituzioni Melfitane”.

Presso la corte di Palermo Federico II realizzò un centro culturale di grande importanza dove studiosi,matematici,giuristi e poeti,provenienti da varie culture del mediterraneo, realizzarono opere e studi di grande rilievo.Basti ricordare “la scuola poetica siciliana” dove si scrissero alcune tra le prime liriche della letteratura italiana.

Ci sono sedici sale tematiche che attraversano la vita e il tempo storico di Federico con installazioni interattive,contenuti multimediali,animazioni tridimensionali che affascinano i visitatori.

Tel. Museo 0731.084470 – biglietteria@federicosecondostupormundi.it

Condividi

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *